Serie C Silver – 3^ giornata

Pol. Molinella – Academy Basket Fidenza 2014

73-84

(9-20; 22-38; 46-60))

 

Molinella: Rubini ne, Quartieri 1, Pusinanti 2, Piazzi 4, Sighinolfi 22, Folesani, Tugnoli 19, Innocenti 3, Lanzi 2, Quaiotto (K) 18, Spisni ne, Zuccheri 2.

All. Baiocchi, A.All. Turrini, 1° Ass. Radogna.

 

Fidenza: Avanzi, Bernardi ne, Antozzi 16, Liberati ne, Simonazzi 6, Alston 30, Agostini (K) 4, Pellegrini 9, Sela, Barksdale 19.

All. Zanardi, A.All. Caggiati, 1° Ass. Stang

 

Arbitri: Colinucci e Forni

Spettatori: 250 ca.

 

MOLINELLA – “Era una notte buia a tempestosa” (fuori), e in campo fulmini e saette caricano un’ambiente che non ce la fa a star lontano dalla palla a spicchi.

E’ la prima in casa in C Silver, e il popolo di Molinella si presenta come sempre: in anticipo, in massa, colorato e festoso. Festa che si ferma per un minuto al momento della palladue: si ricordano due giovani che ci hanno lasciato troppo presto (Eugenio Rossetti ed Erik Bertacchi), mentre fuori (e soprattutto dentro) infuria la tempesta.

Molinella si presenta al completo, dopo aver battuto – nel periodo di riposo – l’ennesima squadra di C Gold (seppur in amichevole, Bertinoro sconfitta 77-76), e può contare di svariate decine di abbonati e appassionati che popoleranno, insieme ai Baraonda Boys, il rinnovato palazzetto di Viale della Libertà.

In casa Academy si registra il forfait di Bernardi, comunque presente in panchina, ma coach Zanardi può contare sulla temibile coppia Alston-Barksdale sostenuta da Antozzi (alla fine in tre ne segneranno 65 su 84).

Se ci limitassimo a leggere l’andamento del match, Molinella resiste fino al 5-4, da cui inizia la valanga biancoblu, fino al +11 finale.

Sì, vero, Fidenza appare sempre in controllo e mai particolarmente in difficoltà, ma la reazione dei ragazzi di Baiocchi c’è e si vede: trascinati da capitan Quaiotto (18 alla sirena per lui) e da un concretissimo Sighinolfi su entrambi i lati del campo, con la leadership e i garetti di Tugnoli, Molinella ricuce fino a -7 a una manciata di minuti dalla fine.

Appena prima che Alston e Barksdale non decidano di chiudere i conti e consegnare a Fidenza il terzo successo in 3 gare.

 

La cronaca

Davanti ad una splendida cornice di pubblico, è Molinella a provare ad imprimere il ritmo alla partita: subito Tugnoli per il 3-2 di casa, creando con pazienza e lettura degli spazi; Zuccheri premia l’assist del #10 di casa: 5-4 Molinella. Alston serve bene Pellegrini (5-7), e Fidenza inizia a stringere le maglie dietro; il #13 ospite è impreciso dall’arco, ma Fidenza rimane in attacco. Antozzi fa +4 su rimessa, e la difesa biancoblu costringe Molinella a tiri affrettati allo scadere. In contropiede è di nuvo Antozzi (6 punti su 13) a costringere Baiocchi al timeout. Entra Innocenti per Molinella, ma Fidenza trova gli spazi giusti per correre con Pellegrini e Antozzi, mentre Barksdale fa buona guardia sotto canestro. Un’entrata di Alston firma il +10 ospite a 3’ dalla fine, ma per i padroni di casa è Piazzi (9-15) a tenere vive le speranze con 4 punti di fila. Pusinanti e Quaiotto non sbloccano il punteggio, nonostante un buon giro di palla: gli ospiti puniscono con Barskdale e chiudono il periodo sul 9-20.

Fidenza rientra nel secondo quarto schierata a zona, puntando sull’imprecisione dall’arco dei biancorossi.

Quaiotto segna il 13-20 dalla lunga, mentre Pusinanti difende ottimamente l’area; Fidenza propone una zona alternata alla uomo, e segna in ripartenza con Antozzi e Alston (13-24), incontenibile dagli esterni biancorossi. Pusinanti (15-26) non ferma la marea parmense che continua a martellare in penetrazione, pur restando in partita grazie al rientro in campo di Tugnoli. Alston è irreale nel galleggiare in aria, e guida i suoi verso il +13; sul ribaltamento di fronte Pusinanti è sempre presente nel pitturato, recuperando un pallone importante per il morale. Lanzi non segna dalla distanza, ma è Innocenti a mantenere vivi tutti i palloni a rimbalzo per Molinella che, però, trova sempre gli spazi chiusi. Torna Folesani contro Barksdale – stoppata su Zuccheri – e Baiocchi ferma l’inerzia ospite a 3’23”: altro tiro sbagliato dai biancorossi, mentre Antozzi segna il +15 con il suo punto n. 12 nel match. Sighinolfi risponde a Pellegrini (22-34) con 4 punti di fila, mentre Fidenza ora cerca solo Barksdale, un colosso nel pitturato. Zuccheri non trova la via del canestro in mezzo a solo maglie blu, mentre Alston appoggia in penetrazione il +16 biancoblu all’intervallo.

Molinella inizia il terzo periodo a zona 3-2, che frutta immediatamente un contropiede di Piazzi: 0/2 dalla lunetta, mentre Alston chiude in velocità sulla penetrazione centrale (22-40). Quaiotto non segna dalla lunga, mentre Barksdale punisce dalla media, decretando il +20 ospite; Sighinolfi riaccende il palazzetto con 6 punti di fila (28-42). Sul contropiede ospite è Pellgrini a punire i biancorossi, seguito da una bella incursione di Agostini, che si guadagna un fallo molto contestato dal pubblico di casa. La tripla di Tugnoli si infrange sul ferro, scatenando il contropiede di Alston che segna e subisce il fallo (29-50), ma Fidenza non concretizza l’ulteriore possesso offensivo. La tripla di Sighinolfi si insacca e viene convalidata, nonostante il fallo antisportivo fischiato ad Innocenti: Pellegrini fa 32-51, e Fidenza domina a rimbalzo. Barksdale bisticcia con le partenze, e Tugnoli punisce in contropiede: 34-51, ma gli ospiti sembrano in pieno controllo, soprattutto del tasso fisico che il match sta iniziando ad avere – Molinella già in bonus a 4,30”. Coach Zanardi dispone anche lui una difesa 3-2, mentre Baiocchi torna alla uomo classica: le squadre faticano ora a trovare la via del canestro, forse per le tante energie spese nei primi 20’. Molinella, nonostante gli sforzi, non riesce a colmare il gap: a Tugnoli risponde un positivo Simonazzi per il 36-55; Alston gestisce il ritmo, ma la grinta di Quaiotto recupera un pallone importante per Molinella: Sighinolfi segna il punto n. 17 e Tugnoli fa -14 a 11’ dal termine del match. Alston scollina quota 20 in penetrazione, e rimanda Molinella a -19, con Fidenza che lavora bene dietro e chiudendo gli angoli. Sighinolfi segna in penetrazione, ma è Innocenti che fa esplodere il pubblico molinellese, con la tripla allo scadere che fa -14.

Subito Quaiotto da 3 (49-60), ma è bravo Simonazzi a guadagnarsi due tiri liberi (poi segnati); ancora Quaiotto, ancora -11, e Barksdale sbaglia il piazzato. Torna Antozzi per coach Zanardi, subito a segno su rimessa e in penetrazione(51-66); Pusinanti è presente a rimbalzo, ma Molinella non concretizza se non con Quaiotto dalla distanza: 57-71, e ora i biancorossi sono solidi anche dietro, con il cronometro che corre.

Lanzi fa 2/2 per poi dare spazio a Sighinolfi, che recupera subito un importante pallone difensivo ben sfruttato ancora da Quaiotto: 62-71.

Molinella non regge su Alston (24 con ancora 4’ da giocare) e torna a -11; Tugnoli è spaziale in penetrazione, e il suo 15° punto del match dà a Molinella il -7, riaccendendo il palazzetto e intimorendo Fidenza che si vede costretta a chiedere timeout.

Al rientro in campo, Alston segna e Tugnoli perde palla in entrata: Fidenza può rallentare e giocare su Barksdale, che segna la tripla del nuovo +12.

Tugnoli e Sighinolfi fanno -9, ma è Agostini a tenere in piedi Fidenza con un importante lay-up in mezzo all’area. Molinella non concretizza l’antisportivo dello stesso Agostini, e il pubblico rumoreggia per un fallo in attacco comminato ad Innocenti nei confronti di Alston: l’esterno americano ha così occasione di confezionare il personale trentello, spegnendo la rimonta molinellese e congelando il punteggio sul +11, fino all’ultima sirena.